Sul divenire-animale di Deleuze: un’introduzione

Il concetto di divenire-animale viene elaborato da Gilles Deleuze nella terza fase della sua produzione filosofica, quella che risale al periodo del sodalizio con Félix Guattari, avviato dopo la pubblicazione delle due grandi opere filosofiche di Deleuze, entrambe alla fine degli anni ‘60, vale a dire Differenza e ripetizione e…

[continua]

Sull’ontologia del presente, a partire da Foucault

All’inizio della lezione inaugurale del corso del 1982-1983 sul Governo di sé e degli altri, Michel Foucault ripensa retrospettivamente tutto il suo percorso intellettuale, mostrando in che cosa la metodologia che egli chiama «storia del pensiero» ovvero il tipo di analisi da lui praticata,…

/

Fondamenti di Estetica

Su Wittgentesin e l’impressione artistica. L’estetica è quel dominio che dovrebbe comprendere lo studio e la ricerca della natura del “bello”, nonché la sua definizione, e le declinazioni storico-filosofiche che lo caratterizzano. Il suo regno è vasto e per la…

Su “Privatocrazia” di Chiara Cordelli

Non si sa se siano di “destra” o di “sinistra”, e questo è solo l’inizio. In Italia arrivano con un governo tecnico, quello di Amato, nel mezzo della crisi della Prima Repubblica. Senza visioni di lungo periodo, senza essere sorrette…

“Umani vs IA”?: Pragmatismo e Actor-Network-Theory (ANT)

“Umani vs IA (=Intelligenza Artificiale)”. Questo “vecchio bicamericalismo” non funziona. Se vogliamo comprendere le implicazioni dell’ibridazione esponenziale tra “umano” e “artificiale” abbiamo bisogno di un’altra metafisica: relazionale, pragmatista, sperimentale. Non si parla che di Intelligenza Artificiale (IA), parola dell’anno appena…

/

Lavorare stanca

La Dunder Mifflin di The Office rappresenta alla perfezione la svolta che Jean Baudrillard attribuisce al lavoro nel capitalismo postindustriale: esso diviene improduttivo, assolutamente autoreferenziale, semplice occupazione di tempo e prestazione di forze. Esso non produce più nulla, ma si…